Parole in piena libertà Perché, per quanto si impegnino a farci smettere, continuiamo a pensare.

30 aprile 2002

Arte applicata

Filed under: Tales — Marco @ 23:06

L’arte del fart, appunto.

*When And When Not To Fart*

Chi non lo sa, cerchi “fart” sul vocabolario. Il resto e’ tradotto.

—————————————–
When not to Fart:

1. In un ascensore affollato
2. In un autobus affollato
3. In una biblioteca
4. Ad un appuntamento galante
5. Mentre tenete un discorso in pubblico
6. In chiesa
7. In un’aula affollata
8. Nel vostro ufficio quando siete soli – di sicuro entrera’ qualcuno subito dopo
9. Al cinema
10. In una cella frigorifera – durera’ per un po’
11. Su un aereo di linea
12. In fila ad una biglietteria
13. Nella vostra auto prima di far salire qualcuno che conoscete
14. Durante la confessione
15. A letto quando vi sentite assonnati
16. In un Cessna
17. Quando cercade di combattere il fuoco in un edificio in fiamme
18. Quando siete su una macchina della polizia per una piccola violazione o un controllo

When to Fart:

1. Nell’ufficio del vostro capo quando vi siete appena girati per uscire. Consiglio – Fate in modo che sia di quelli silenziosi.
2. Al gabinetto
3. In fila alla cassa – potrebbe rendere le operazioni piu’ rapide
4. In un ascensore vuoto prima di uscire
5. Vicino a un camerino di prova occupato – potrebbe diventare subito libero
6. Al lavoro, nell’ufficio di qualcun altro mentre non c’e’
7. Mentre praticate il paracadutismo
8. Mentre praticate la pesca subacquea
9. Su una macchina della polizia se siete in arresto
10. Durante un interrogatorio se siete voi ad essere interrogati
11. Nella vostra auto se avete appena subito un sequestro di persona
12. In uno spogliatoio se siete sicuri che qualcuno stia aspettando che usciate per cambiarsi a sua volta
13. Nella vostra auto se siete appena stati fermati. I poliziotti potrebbero lasciarvi andare piu’ in fretta
14. Durante una gara a chi mangia piu’ torta, per distrarre gli avversari
15. Mentre camminate lungo un marciapiede affollato. Nessuno sapra’ a chi dare la colpa

26 aprile 2002

Esploratori

Filed under: Tales — Marco @ 23:01

Un esploratore nella profonda foresta amazzonica si trova circondato da un gruppo di selvaggi assetati di sangue. Del suo sangue.
Valuta la situazione e dice tra se’ e se’: “O mio Dio! Sono ciulato”.

Dal cielo sopra di lui giunge un raggio di luce e una voce tuona: “No! Non sei ciulato! Raccogli quella grossa pietra ai tuoi piedi e picchiala forte sulla testa del capo tribu’ che e’ quello in piedi di fronte a te!”.

L’esploratore raccoglie la pietra e procede a portare il capo tribu’ alla temperatura ambiente picchiandogli ripetutamente la pietra sulla testa.
Quando il capo e’ finalmente morto l’esploratore resta fermo in piedi di fronte al corpo senza vita, circondato da 100 selvaggi tutti con la faccia stravolta dallo shock.

La voce dall’alto tuona di nuovo: “Ecco!….. Adesso si’ sei ciulato!”.

21 aprile 2002

Rant

Filed under: Tales — Marco @ 22:58

Rant.

Noi diremmo probabilmente “lamenta”.

Non “lamento” o “lamentela”, ma proprio “lamenta”.

Ne esistono diverse versioni, ma la piu’ famosa e’ quella scritta da qualche canadese stufo di essere chiamato americano o di sentire luoghi comuni sulla propria gente.

Sulla base di questa ne sono state “costruite” una montagna.

Questa mail e’ una piccola raccolta.

Come d’abitudine, o as usual, e’ molto american oriented (the ONLY country in the world, the FIRST nation of ignorance and the BEST part of South America), ma la trovo piuttosto carina. Naturalmente e’ un’opinione mia, come al solito “opinabile”, basta che non mi mandiate rant.

Di seguito e in ordine trovate:

Canadian rant
Italian rant
American rant
Australian rant
Pakistani rant
Chinese rant
William Shatner’s “I Am Not Captain Kirk” rant

——————————————————————-
The Original Rant
(by Molson Canadian)

Hey . . .

I’m not a lumberjack or a fur trader,
and I don’t live in an igloo, eat blubber, or own a dogsled.
And I don’t know Jimmy, Sally, or Suzy from Canada,
although I’m certain they’re really, really nice.

I have a prime minister… not a president,
I speak English and French, not American
and I pronounce it About, not A-boot.

I can proudly sew my country’s flag on my backpack,
I believe in peacekeeping, not policing,
diversity not assimilation,
and that the beaver is a truly proud and noble animal.

A toque is a hat,
a chesterfield is a couch,
and it IS pronounced Zed, not Zee… ZED!!
Canada is the 2nd largest land mass,
the 1st nation of hockey,
and the best part of North America.

My name is Joe . . . and . . .
I . . . . . . AM . . . . . . CANADIAN!

Thank you.
——————————————————————-
Ciao…

I’m not a construction worker, a brick layer or a school janitor.
I don’t live in a basement, I don’t eat pasta every night.
And I don’t drive a Camaro.
And I don’t know Tony, Rocco or Gino from Woodbridge,
although I’m certain they’re very very hairy people.

I drink wine…not beer.  I don’t use utensils for pizza.
I believe in open bars at weddings, not cash.
And I pronounce it ESPRESSO, not EX-PRESSO.

I can proudly fly my country’s flag out of my car during the World Cup.
Gelato IS ice cream, Biscotti ARE cookies,
Antonio Columbro IS the best of the Tenors,
And it’s pronounced Broo-SKetta, not Broo-SHetta!!

Italy is the ONLY country shaped like footwear,
the FIRST nation of soccer, and the BEST part of Europe!

My name is Giuseppe, and . . .

I . . . . . . AM . . . . . . ITALIAN!

Grazie.
——————————————————————-
The American Rant

I’m not particularly intelligent, open-minded, or generally well-liked
I don’t live in a clean place
I don’t eat nutritiously very often
And I don’t drive well

I don’t know Shakespeare, Da Vinci or Gutenberg
Although I’m certain they weren’t American

I drink beer…not good beer
I don’t use utensils when eating
I believe in guns for settling disputes, not discussions
And I pronounce it AIN’T, not AREN’T

I can proudly sew my country’s flag on my backpack…until I go anywhere
Burger King IS fine dining
Cracker Jack IS a vegetable
And WWF wrestling is real

The UNITED STATES is the ONLY country in the world
The FIRST nation of ignorance
And the BEST part of South America!!

My name is Johnny Bob Jimmy Joe Ray
I am married to my sister…
AND I AM AMERICAN!!!!!!
——————————————————————-
The Australian Rant

G’day . . .

uh, I don’t have a kangaroo for a pet,
I don’t wrestle with crocodiles,
and I don’t wear a cork hat.

I’d fight wars, but never start wars.
I would rather like peace.

I can wear my country’s flag with pride.
I am a rock. I am the ocean.
I am the island continent.

My brothers are the Smit’s, the Wilson’s,
the Santarilli’s, The Vikosky’s, The Wong’s
and the Jagamaroe’s.

I play football, without a helmet.
I LIKE betroot on my hamburger.
I ride in the FRONTSEAT of a taxi.

I believe this is a PRAWN not a SHRIMP.
I believe the world is round and DOWN UNDER is ON TOP.
I believe Australia is the best address on earth, and
Australians, brew the BEST BEER on EARTH.

Cheers.
——————————————————————-
The Pakistani Rant

Allo,

I’m not a cab driver, a 7-11 clerk or a gas attendant.
I don’t go to flea markets, or worship elephants, or eat with my hands.
And I don’t know Akbar, Rampreet or Mohammed from Rundle,
Although I’m certain they’re very smelly people.

I eat roti….not pita. I don’t only shower once a week,
I believe in discounts, not full price.
And I pronounce it WHAT, not VHAT.
I can proudly fly my country’s flag out of my car during a terrorist siege.

A turban IS an article of clothing.
Spicy foods ARE better than mild foods
Curry is a VERY tasty dish,
and it IS pronounced Gaun-dee,not Gun-dee ,GAUN-dee!!

Pakistan IS a third world country,
The first nation of Cricket
And the BEST part of the middle east!!

My name is Raheem and . . .

I . . . . . AM . . . . . PAKISTANI !!
——————————————————————-
The Chinese Rant

Wai . . .

I’m not a cook, or a computer tech, or the owner of a laundromat.
I don’t live with my parents, I don’t eat dog. I don’t drive a souped-up Civic.
And I don’t know Ping, Ching or Wing from Beddingt Heights
Although I’m certain they’re very rice… I mean nice people.

I use chopsticks, not a fork. I rarely drive on the sidewalk.
I believe in giving cash, not gifts
And I pronounce it HELLO, not HARRO.
I can proudly wave my country’s flag at a tank during a massacre,

Dim sum IS brunch, Gwai-Los ARE white folk
Jet Li can kick Van Damme’s ass anyday.
And it IS pronounced Gon Hay Fa Choi, not Gon HEE Fa

China is the LARGEST country in Asia
The FIRST nation of PING-PONG,
And the BEST remaining COMMUNIST COUNTRY!!

My name is FUNG and . . .

I . . . . . AM . . . . . CHINESE!!
——————————————————————-
Trek legend William Shatner has aimed a rant at fans who really think he is Captain Kirk.  Shatner, who hosted a gala last Thursday at Montreal’s Just for Laughs Festival in Canada, delivered his own spoof of Molson’s “I Am Canadian” rant.

I Am Not Captain Kirk

Hey . . .

I’m not a Starfleet commander or T.J. Hooker
I don’t live on Starship NCC-1701
or own a phaser.
I don’t know anyone named Bones, Sulu or Spock.

And no, I’ve never had green alien sex –
although I’m sure it would be quite an evening.

I speak English and French, not Klingon.
I drink Labatt’s, not Romulan ale.
And when someone says to me, ‘Live long and prosper,’
I seriously mean it when I say ‘Get a life!’…

My doctor’s name is not McCoy, it’s Ginsberg.
And Tribbles were puppets! Not real animals! Puppets!
And when I speak, I never, ever,
talk / like / every / word / is / its / own/ sentence!…

I live in California, but I was raised in Montreal.
I believe in Priceline.com,
where you never have to pay full price for airline tickets, hotels and car rentals.

I have appeared on stage at Stratford, Carnegie Hall, Albert Hall
and at the Monkland Theatre in NDG (Notre Dame de Grace).

And yes, I’ve gone where no man has gone before.
But I was in Mexico and her father gave me permission.

My name is William Shatner and . . .
I . . . . . . AM . . . . . . CANADIAN.

18 aprile 2002

Storia antica

Filed under: Tales — Marco @ 22:52

Due aneddoti non proprio recenti…….

Una graziosa ragazza che ho frequentato per un periodo forse troppo breve (o forse troppo lungo) una sera si senti’ chiedere in mia presenza come mai frequentasse me. Certa gente non si fa mai gli affari suoi.
La risposta, dopo un attimo di esitazione, fu “per i suoi soldi”.
Quando poi le chiesi come mai, mi spiego’ che doveva ben inventare una ragione plausibile.
Non la vidi mai piu’.
Una volta ancora, esistono cose che e’ meglio non sapere.

Ed ecco la seconda storia che vi voglio raccontare (…).

Quando anni fa cambiai casa, chiamai un certo numero di persone, ditte, postulanti, ecc, per comunicare il mio nuovo indirizzo. Tutto bene, tranne con un ente statale.

La cosa ando’ cosi’:
Marco: “Buongiorno. Vorrei comunicare un cambio di indirizzo.”
Assistenza: “Mi spiace, ma non possiamo accettare indirizzi nuovi per telefono. Dobbiamo inviarle l’apposito modulo, lei lo deve compilare e rispedircelo.”
Marco: “Va bene. Il problema e’ che mi sono gia’ trasferito e se mi mandate il modulo all’indirizzo vecchio non mi arriva. Come possiamo fare?”
Assistenza: “Oh, questo non e’ un problema. Se mi da’ l’indirizzo nuovo le spediamo il modulo li’.”
Marco: “Oh………., grazie molte.”
Poi fornii l’indirizzo nuovo e feci quanto richiesto. E piansi in un angolo.


Risk more than others think is safe.
Care more than others think is wise.
Dream more than others think is practical.
Expect more than others think is possible.

It is never too late to be what you might have been.

Modern lies

Filed under: Tales — Marco @ 22:45

In aggiunta a “le mandero’ l’assegno per posta” e “ovvio che ti rispettero’ domani mattina”, ecco altre bugie moderne:

– Non guardo mai la televisione tranne che per vedere le notizie.

– E’ normale che il motore faccia questi rumori.

– Le basta girare a sinistra dopo il semaforo. Non puo’ sbagliare.

– Si, e’ vero, sono sposato, ma stiamo aspettando il divorzio.

– Non preoccuparti. Posso ancora fare 50 km quando l’indicatore segna vuoto.

– Oh, lo ignori. Non ha mai morso nessuno.

– Non ho mai fatto niente del genere prima.

– Non e’ per i soldi. E’ una questione di principio.

– Questa volta tocca a te e la prossima pago io.

– Niente mi potrebbe fare piu’ piacere.

– Fidati di me.

———————————-
Commenti? Voglio dire, da chi non ha cosi’ tanto da fare da non riuscire a scrivere due righe?

2 aprile 2002

Guerre

Filed under: Tales — Marco @ 22:44

Il presidente Bush e Colin Powell siedono in un bar. Un tale entra nel bar e chiede al barista: “Ma quelli che siedono la’ non sono Bush e Powell?”.

Il barista guarda e conferma: “Si’, sono proprio loro”.

Il cliente si avvicina ai due e dice: “Wow! E’ un vero onore. Cosa fate da queste parti?”.

Bush si guarda intorno per controllare che nessuno possa sentire e bisbiglia: “Stiamo pianificando la nostra prossima guerra.”.

E il tizio dice: “Davvero? E cosa succedera’?”.

Bush risponde: “Uccideremo 140 milioni di iracheni e un riparatore di biciclette.”.

Il cliente esclama: “Un riparatore di biciclette? Perche’ uccidere un riparatore di biciclette?”.

Bush si gira verso Powell, gli da’ un pugno sulla spalla e dice: “Hai visto imbecille? Ti avevo detto che a nessuno frega niente di 140 milioni di iracheni!”.

———————————————–

Ok, lo so. Vedro’ di essere piu’ lucido e fare meglio domani…….

1 aprile 2002

Donne di talento

Filed under: Tales — Marco @ 22:41

Ieri sera ho rivisto un film di un po’ di anni fa (e’ del 1972).

La figlia di Judy Garland non e’ esattamente bella, non e’ particolarmente simpatica, ma ha un talento incredibile e un’intensita’ che riescono a darle un grande fascino. Piu’ che altro il film (8 Oscar, uno per lei come miglior protagonista) e’ una scusa per dare un palco a lei.

Un piccolo aiuto per identificare il personaggio: non si chiama Garland, ma col cognome del padre, marito, appunto, di Judy Garland, noto regista di evidenti origini italiane. Il film si chiama Cabaret. Dubbi?

A volte penso alle donne di talento che hanno attraversato la mia vita, da quando ero bambino a oggi, e all’influenza che hanno avuto, hanno oggi e avranno su di me. Non poca.

E chissa’ che nonostante la mia nota presunta avversione per questo tipo di contratto, un giorno non mi trovi anch’io a dover “cedere” e sentire un rappresentante delle istituzioni (religiose o civili) che mi rivolge la fatidica formula: “hai il diritto di rimanere in silenzio; qualunque cosa dirai potra’ essere usata contro di te; hai diritto alla presenza di un avvocato; adesso puoi baciare la sposa”……..

Cheers e buone vacanze.

Powered by WordPress