Parole in piena libertà Perché, per quanto si impegnino a farci smettere, continuiamo a pensare.

24 novembre 2002

Ancora Bush…..

Filed under: Tales — Marco @ 23:42

Bush and China
==============

George: Condi! Nice to see you. What’s happening?

Condi: Sir, I have the report here about the new leader of China.

George: Great. Lay it on me.

Condi: Hu is the new leader of China.

George: That’s what I want to know.

Condi: That’s what I’m telling you.

George: That’s what I’m asking you. Who is the new leader of China?

Condi: Yes.

George: I mean the fellow’s name.

Condi: Hu.

George: The guy in China.

Condi: Hu.

George: The new leader of China.

Condi: Hu.

George: The Chinaman!

Condi: Hu is leading China.

George: Now whaddya’ asking me for?

Condi: I’m telling you Hu is leading China.

George: Well, I’m asking you. Who is leading China?

Condi: That’s the man’s name.

George: That’s who’s name?

Condi: Yes.

George: Will you or will you not tell me the name of the new leader of China?

Condi: Yes, sir.

George: Yassir? Yassir Arafat is in China? I thought he was in the Middle East.

Condi: That’s correct.

George: Then who is in China?

Condi: Yes, sir.

George: Yassir is in China?

Condi: No, sir.

George: Then who is?

Condi: Yes, sir.

George: Yassir?

Condi: No, sir.

George: Look, Condi. I need to know the name of the new leader of China.

Get me the Secretary General of the U.N. on the phone.

Condi: Kofi?

George: No, thanks.

Condi: You want Kofi?

George: No.

Condi: You don’t want Kofi.

George: No. But now that you mention it, I could use a glass of milk. And then get me the U.N.

Condi: Yes, sir.

George: Not Yassir! The guy at the U.N.

Condi: Kofi?

George: Milk! Will you please make the call?

Condi: And call who?

George: Who is the guy at the U.N?

Condi: Hu is the guy in China.

George: Will you stay out of China?!

Condi: Yes, sir.

George: And stay out of the Middle East! Just get me the guy at the U.N.

Condi: Kofi.

George: All right! With cream and two sugars. Now get on the phone.

16 novembre 2002

Geordie

Filed under: Tales — Marco @ 23:09

Mentre attraversavo London Bridge
un giorno senza sole
vidi una donna pianger d’amore,
piangeva per il suo Geordie.

Impiccheranno Geordie con una corda d’oro,
è un privilegio raro.
Rubò sei cervi nel parco del re
vendendoli per denaro.

Sellate il suo cavallo dalla bianca criniera
sellatele il suo pony
cavalcherà fino a Londra stasera
ad implorare per Geordie

Geordie non rubò mai neppure per me
un frutto o un fiore raro.
Rubò sei cervi nel parco del re
vendendoli per denaro.

Salvate le sue labbra, salvate il suo sorriso,
non ha vent’anni ancora
cadrà l’inverno anche sopra il suo viso,
potrete impiccarlo allora

Nè il cuore degli inglesi nè lo scettro del re
Geordie potran salvare,
anche se piangeran con te
la legge non può cambiare.

Così lo impiccheranno con una corda d’oro,
è un privilegio raro.

Rubò sei cervi nel parco del re
vendendoli per denaro.

————————————————-

Oggi, ascoltando la radio, ne ho sentita una versione da discoteca. Sono inorridito.

Il conduttore del programma era Federico l’Olandese Volante, su RTL 102.5. Alla fine del pezzo ha detto “che delitto, che delitto”. Penso, in vita mia, di essere stato raramente cosi’ d’accordo con qualcuno.

L’autore e’ morto qualche tempo fa (e mi auguro che nessuno dei miei lettori abbia dubbi sull’identita’ dell’autore – per la cronaca, l’album era Nuvole Barocche, uscito nel 1969), per cui e’ libero di rivoltarsi nella tomba.

Boh.

Powered by WordPress